Lo spread è alto in tutt'Europa

16 Nov 2011

Spread in crescita nell'Euro ZonaIl rapporto fra i rendimenti dei titoli di Stato e il bund tedesco, che in tutta l'Euro Zona è considerato il più affidabile e stabile, non crea problemi soltanto ai Paesi le cui cronache economiche della crisi sono ormai note, fra cui la Grecia e l'Italia, che si ritrovano ad affrontare l'emergenza dello spread fra i più alti dell'UE (ad oggi lo spread italiano si attesta sui 528 punti) ricorrendo a un governo tecnico guidato dal bocconiano Mario Monti, ma anche agli Stati Europei considerati più affidabili, come la Francia.

Francia: scende il rendimento BTP decennale

Infatti, secondo i dati raccolti, la differenza fra Francia e Germania, ovvero rispettivamente Oat e Bund, ha toccato la soglia dei 171 punti, una cifra che fa riflettere sulla profonda crisi di tutta la zona euro. La moneta comune europea perde punti anche nel confronto con il dollaro statunitense, il cui tasso di cambio è oggi a 1,35 circa sull'euro. Secondo il presidente in carica della Comunità Europea Herman Van Rompuy infatti, pur essendo un paese monitorato, a differenza di altri stati dell'Euro Zona, l'Italia non è l'unico stato europeo che ha dei problemi strutturali a livello finanziario e monetario, essendo questi ultimi dei problemi comuni a tutta la UE.

Il livello di guardia deve comunque restare alto soprattutto nel nostro Paese, in cui il rendimento decennale sul debito pubblico ha toccato il livello del 7%, mettendo a serio rischio la sostenibilità e la futura solvenza del debito. Il tasso oscillante fra il 7% e il 7,5% di queste ultime due settimane è una soglia che l'Italia aveva sfiorato soltanto nel 2000, dopo l'introduzione della moneta unica, e per questo si rivela ancor più insidioso ora che l'euro è in calo sulle altre monete, fra cui dollaro e yen.